STARS OF TRACK AND FIELD - A TIME FOR LIONS sabato, 23 gennaio 2010 18:55 by madseason

stars of track and field a time for lions front cover

  • Release date: 15 Settembre 2009
  • Etichetta: Wind-up Records
  • Produttore: John King

 

  • Kevin Calaba - vocals, guitar
  • Jason Bell - guitar, vocals
  • Daniel Orvik - drums

 

 

[voto: 4]

Maturano gli Stars Of Track And Field. E bene, anche. Il pur valido debutto su Wind-up, "Centuries Before Love And War", con le sue influenze Radiohead, Echo and the Bunnymen, Depeche Mode, U2 e Joy Division, era forse ancora un po' acerbo e grezzo.

Il nuovo "A Time For Lions" mostra una interessante progressione stilistica: senza smentire le proprie origini, gli SoTaF consolidano il proprio songwriting, abbracciando il sound di band mainstream come Coldplay, Death Cab For Cutie e OneRepublic, e coniano 11 brani brillantemente costruiti che aprono a Kevin Calaba e soci le porte dell'airplay radiofonico.

Coniugare il pop elettronico con il rock da arena (o da stadio, addirittura) dei giorni nostri sembra infatti la mossa giusta per attirare l'attenzione di chi cura i palinsesti delle stazioni rock ed uscire definitivamente dallo status - prestigioso ma poco remunerativo - di cult band.
Ma non pensiate che quella degli Stars sia solo una mossa scaltra: i tre di Portland riescono infatti nel non facile compito di mantenere la propria integrità artistica sviluppando nel contempo un sound personale, di classe ed eleganza, che non scivola mai nel banale e nel ripetitivo.

Qualche prova? Ascoltate l'anthemica opening "Racing Lights", con il suo appassionato chorus, oppure la deliziosa "The Breaking Of Waves" con quella chitarrina alla The Edge su una melodia che fonde mirabilmente Coldplay ed elettrowave degli eighties. O perchè non la sottile, intima e riflessiva "Through The Static", guidata dalla voce quasi sussurrata di Kevin Calaba, un singer sino ad ora sottovalutato, che merita la ribalta dei grandi palchi internazionali. Sentitelo cantare con trasporto "Safety In Numbers", con quell'impostazione vocale che mi ricorda il Justin Furstenfeld più introspettivo. Bravissimo.

E un plauso anche alla Wind-up Records, famosa per band dall'enorme successo come Creed ed Evanescence, che dopo averci regalato gli eccellenti The Queen Killing Kings, ripropone con un gran bel disco gli Stars Of Track And Field.
E' arrivata l'ora dei leoni!

Tracklist di A Time For Lions

  • 01. Racing Lights   3:19
  • 02. End Of All Time   3:35
  • 03. The Breaking Of Waves   3:27
  • 04. Now You Lift Your Eyes To The Sun   4:25
  • 05. In Bright Fire   3:35
  • 06. Peeling Away   3:19
  • 07. Through The Static   3:19
  • 08. Safety In Numbers   3:32
  • 09. The Aviator   3:26
  • 10. The Stranger   4:50
  • 11. Sunrise Ends   3:29             


Discografia degli Stars Of Track And Field

  • Stars Of Track And Field (2003 No Logo Records)
  • You Came Here For Sunset Last Year (2005 Mad Recordings)
  • Centuries Before Love And War (2006 Wind-up Records)
  • A Time For Lions (2009 Wind-up Records)


Link suggeriti

DASHBOARD CONFESSIONAL - ALTER THE ENDING sabato, 23 gennaio 2010 18:45 by madseason

dashboard confessional alter the ending front cover

  • Release Date: 10 Novembre 2009
  • Etichetta: Vagrant Records - Universal Music 
  • Produttore: Butch Walker, Adam Schlesinger

 

  • Chris Carrabba - vocals, guitar
  • John Lefler - guitar, piano
  • Scott Schoenbeck - bass
  • Mike Marsh - drums

 

[voto:3.5]

Il mio primo pensiero all'ascolto del sesto album dei Dashboard Confessional è quello che Chris Carrabba non abbia preso bene il non eccellente successo commerciale del precedente "The Shade Of Poison Trees" e che abbia reagito scegliendo un approccio scaltro e sopra le righe per il suo nuovo lavoro.
D'altronde non ti porti a casa un produttore come l'ex-Marvelous 3 Butch Walker (Avril Lavigne, Lindsay Lohan, Pink, Katy Perry, Weezer, Fall Out Boy tra le sue infinite collaborazioni) se le intenzioni sono quelle di tenere un basso profilo.

La sfida di Chris è stata evidentemente quella di riuscire a riconquistare un posto al sole nelle classifiche di vendita - con una bella rimpolpata di portafoglio - mantenendo al contempo la credibilità acquisita negli anni.
La Top Ten di Billboard, il numero uno nelle chart canadesi e britanniche ed una popolarità in crescendo in Europa - tanto che il singolo "Belle Of The Boulevard" ha cominciato a fare proseliti anche da noi - suggeriscono che la prima parte della sfida è stata vinta.
E' la seconda parte che sta dando qualche grattacapo in più ai Dashboard: non sono pochi i fan della prima ora che hanno gridato al tradimento, accusando Carrabba di essersi messo in competizione con gli idoli pop dei teenager americani, sacrificando integrità e genuinità sull'altare del dio dollaro.

Io sono meno categorico e più accondiscendente nei confronti dell'ex-emo rocker della Florida (qualcuno si ricorda quando "emo" non era ancora e solo un termine modaiolo per descrivere il look dei ragazzini col ciuffo?).
In fondo la buona qualità del songwriting di Carrabba mi pare innegabile, e brani come "Get Me Right", "Belle Of The Boulevard", "I Know About You", "Alter The Ending", "The Motions", per quanto ruffiani, sono costruiti con abilità ed eseguiti con un'energia e un trasporto che dona loro una buona dose di credibilità.

Da rilevare che i Dashboard hanno pubblicato "Alter The Ending" anche in una deluxe edition che include un secondo cd in cui vengono riproposti tutti i brani dell'album in chiave acustica: forse solo una democristianata per tenersi buoni i fans più integralisti. Di certo c'è che, sulla scia di questo cd "alternativo", Chris Carrabba e John Leffler sono in tour con uno show dalla natura intima - solo voce, chitarra e pianoforte - che toccherà anche l'Italia con una data alla Salumeria della Musica di Milano, il prossimo 3 Febbraio. Un'ottima occasione per toccare con mano la reale consistenza della band, al di là delle superproduzioni da studio works.

 

Tracklist di Alter The Ending

  • 01. Get Me Right   3:15
  • 02. Until Morning   3:44
  • 03. Everybody Learns From Disaster   3:33
  • 04. Belle Of The Boulevard   4:02
  • 05. I Know About You   3:07
  • 06. Alter The Ending   3:24
  • 07. Blame It On The Changes   4:11
  • 08. Even Now   2:43
  • 09. The Motions   4:02
  • 10. No News Is Bad News   3:54
  • 11. Water And Bridges   3:36
  • 12. Hell On The Throat   3:10


Discografia dei Dashboard Confessional

  • The Swiss Army Romance (2000 Fiddler - Vagrant Records)
  • The Places You Have Come To Fear The Most (2001 Vagrant Records)
  • A Mark, A Mission, A Brand, A Scar (2003 Vagrant Records)
  • Dusk And Summer (2006 Vagrant Records)
  • The Shade Of Poison Trees (2007 Vagrant Records)
  • Alter The Ending (2009 Vagrant Records - Universal)


Link suggeriti

 

STANFOUR - RISE AND FALL mercoledì, 20 gennaio 2010 22:30 by madseason

stanfour rise and fall front cover

  • Release Date: 4 Dicembre 2009
  • Etichetta: We Love Music - Universal Music

 

  • Konstantin Rethwisch - vocals
  • Christian Lidsba - guitar
  • Alexander Rethwisch - keyboards, vocals
  • Eike Lüchow - bass, electronics, vocals

 


[voto:3.5]

A sentirli senza sapere chi sono non ci si azzeccherebbe mai che gli Stanfour vengono dalla Germania. Eppure sono dell'isola di Föhr, nell'arcipelago delle Frisone Settentrionali, vicino alla Danimarca, per intenderci. C'è da dire però che i fratelli Rethwisch hanno vissuto parecchio tempo a Los Angeles, lavorando a stretto contatto con un produttore di colonne sonore di film: non so se questo fatto da solo possa spiegare il sound anglofono della band, di certo è un indizio importante.

Gli Stanfour si producono dunque, con questa loro seconda prova, in un melodic pop rock di impronta pianistica dalle atmosfere avvolgenti, con un sound paragonabile a quello di band americane/britanniche come Umbrellas, Coldplay, Starsailor, OneRepublic, Travis, Keane e Saybia (questi ultimi danesi, a onor del vero).

Forse il loro limite maggior è proprio quello di non avere ancora un'identità ben delineata che permetta loro di distinguersi dalla marea di band che hanno abbracciato sonorità del genere negli ultimi anni; di certo non si può dire che Konstantin Rethwisch e la sua truppen non sappiano comporre ed arrangiare al meglio brani ben orchestrati, gradevolissimi e intensi. Basta ascoltare la trascinante "Wishing You Well", primo singolo, nonché opener dell'album, per rendersene conto. O l'appassionata "Sail On". O, ancora, la sognante e profonda "Take Me Or Leave Me".

Insomma, "Rise And Fall" si rivela un disco a cui non mancano certo le belle canzoni, più maturo del precedente "Wild Life" - che ricordiamo più hit-oriented, più solare, direi "boybandesco" - e a cui manca giusto quel quid di personalità in più per entrare nella categoria "disconi del 2009". Sarà per il 2010? Vedremo, per il momento possiamo felicemente accontentarci.

 

Tracklist di Rise And Fall

  • 01. Wishing You Well   05:22
  • 02. Sail On   04:10
  • 03. Life Without You   03:55
  • 04. Say You Care   04:29
  • 05. Tired Again   03:50
  • 06. Face To Face   03:31
  • 07. Take Me Or Leave Me   03:10
  • 08. Bittersweet   03:44
  • 09. Stars   04:13
  • 10. I'll Wait For You   03:47
  • 11. Everything Has Changed   05:46


Discografia degli Stanfour

  • Wild Life (2008 Vertigo Records Berlin - Universal Music)
  • Rise And Fall (2009 We Love Music - Universal Music)


Link suggeriti

 

     

     

THE CRIBS - IGNORE THE IGNORANT domenica, 17 gennaio 2010 20:45 by madseason

the cribs ignore the ignorant

  • Release Date: 10 Novembre 2009
  • Etichetta: Wichita Recordings - Warner Bros. Records
  • Produttore: Nick Launay

 

  • Ryan James Jarman - vocals, guitar
  • Johnny Marr - guitar
  • Gary John Jarman - bass, vocals
  • Ross Anthony Jarman - drums

 

[voto:4]

Ok, adesso ci siamo. I Cribs non mi avevano mai entusiasmato, con la loro rabbia postpunkoide mal convogliata in composizioni che mi stancavano già al primo ascolto. Ma su questo quarto episodio della loro saga musicale gli inglesi di Wakefield centrano il punto, sfornando il loro miglior disco di sempre.

Il punto è quello di essere riusciti a sviluppare il proprio sound, senza snaturarlo, fino a portarlo a maturità.
In questo processo ritengo che sia stato fondamentale il "nuovo" acquisto dei Cribs, il navigatissimo ex-chitarrista dei The Smiths, Johnny Marr, il quale non solo ha dato maggior sostanza alle composizioni, ma ha contribuito in maniera decisiva agli arrangiamenti più ricercati, meno indie di "Ignore The Ignorant".
Intendiamoci, ITI rimane un disco diretto e onesto, in cui i fratelli Jarman non rinnegano le proprie radici musicali, ma finalmente le composizioni diventano memorabili, a partire dal singolo "We Share The Same Skies", che potrebbe aprire agli inglesi le porte delle chart rock americane.

Tra i tanti brani interessanti, mi piace citare l'altro singolo, l'abrasiva e pseudo-anthemica "Cheat On Me"; "Save Your Secrets" e la title-track, in cui i Cribs appaiono come una versione aggiornata dei Pretenders; l'opener "We Were Aborted", più vicina alle sonorità dei dischi precedenti; la greendayana "Victim Of Mass Production"; "Last Year's Snow", dal sound affine a quello dei Manic Street Preachers.

"Ignore The Ignorant", uscito in UK il 7 Settembre, è stato accolto in patria da critiche più che lusinghiere e dai favori del pubblico, che lo ha spedito all'ottavo posto della classifica britannica (miglior risultato di sempre). Vedremo se i Cribs riusciranno a replicare il successo anche in USA, dove il cd è uscito in formato "fisico" da soli due mesi. Se lo meriterebbero.

 

Tracklist di Ignore The Ignorant

  • 01. We Were Aborted   3:09
  • 02. Cheat On Me   3:24
  • 03. We Share The Same Skies   3:15
  • 04. City Of Bugs   6:22
  • 05. Hari Kari   3:44
  • 06. Last Year's Snow   3:35
  • 07. Emasculate Me   3:35
  • 08. Ignore The Ignorant   3:18
  • 09. Save Your Secrets   4:29
  • 10. Nothing   3:41
  • 11. Victim Of Mass Production   4:08
  • 12. Stick To Yr Guns   5:08


Discografia dei The Cribs

  • The Cribs (2004 Wichita Recordings)
  • The New Fellas (2005 Wichita Recordings)
  • Men's Needs, Women's Needs, Whatever (2007 Wichita Recordings - Warner Bros. Records)
  • Ignore The Ignorant (2009 Wichita Recordings - Warner Bros. Records)


Link suggeriti

 

AFTER THE FALL - [IN] EXILE sabato, 16 gennaio 2010 23:59 by madseason

after the fall in exile front cover

  • Release Date: 28 Agosto 2009
  • Etichetta: Roadrunner Records
  • Produttore: Richard Stolz

 

  • Benjamin Windsor - vocals
  • Mark Edward Warner - guitar
  • Matthew Gore - bass
  • Andrew Atkins - drums

 

[voto: 4]

Uno di quei dischi che fan venire la pecolla a molti critici, che non mancheranno (e non hanno mancato) di bollarlo come "prevedibile", "formulaico", "inoffensivo"... In realtà "[In] Exile", terzo studio album degli australiani After The Fall, è un ottimo esempio di album che, seppur adatto all'airplay radiofonico, non si inchina passivamente alle leggi di mercato.

Benjamin Windsor ed i suoi compagni d'avventura infatti, oltre a non lesinare passione, mostrano un'abilità nel songwriting che permette loro di non affondare nelle paludi del banale e del "già sentito mille volte", cosa ardua per un gruppo pop-rock.
Il sound degli After The Fall ricorda quello di band non famosissime ma di assoluta qualità quali Taxiride, Crush, Swirl 360, Wave, Kick The Kangaroo e Feel. E Benjamin, sia quando canta trattenuto evocando atmosfere pacate, sia quando trascina l'ascoltatore lungo melodie che si alzano stentoree, dimostra di essere l'arma in più degli ATF, sempre convincente e con un timbro perfetto per il genere.

Un plauso anche al gran lavoro di Richard Stolz, che, a differenza dell'album precedente, in cui fu aiutato nel mixaggio dalla "star" Kevin Shirley, qua si occupa di tutte le fasi del processo di produzione del disco, con risultati eccellenti.

Insomma, gli After The Fall non saranno i sedicenti rivoluzionari pseudo-indipendenti che piacciono tanto ai soliti critici modaioli, ma sono una validissima band, assolutamente degna di portare avanti il testimone della grande tradizione melodicrock australiana.



Tracklist di [In] Exile

  • 01. Digital Age   03:05
  • 02. Scotland Yard   03:00
  • 03. Desire   03:17
  • 04. Break Me   02:54
  • 05. In The End   03:31
  • 06. Born   03:21
  • 07. A Feather Afloat   03:51
  • 08. The Big Exit   04:29
  • 09. Lullaby   03:42
  • 10. Pressure   03:34
  • 11. 1969   03:43
  • 12. All Together Now (Bonus Track)   03:09
  • 13. Home (Bonus Track)   03:14


Discografia degli After The Fall

  • As Far As Thoughts Can Reach EP (2002 Shock Records)
  • After The Fall (2004 Festival Mushroom Records)
  • Always Forever Now (2005 Festival Mushroom Records)
  • Gimme 5 EP (2007 Warner Music Australia)
  • [In] Exile (2009 Roadrunner Records)


Link Suggeriti

 

BROKEN HALO - STARS ALIGN domenica, 10 gennaio 2010 19:19 by madseason

broken halo stars align front cover

  • Release Date: 29 Ottobre 2009
  • Etichetta: Indipendent Release
  • Produttore: John Paul Peters

 

  • Doug McArthur - vocals
  • Jared Daniels - guitar
  • Devon Mymko - bass
  • Kyle Patterson - drums

 

[voto:3.5]

I Broken Halo si dichiarano uno dei gruppi rock più popolari della loro città, Winnipeg, capitale della provincia di Manitoba, nel Canada centrale.
Non so quanti gruppi rock di risonanza possa vantare Winnipeg, che conosco in termini musicali giusto come città natale della famosa songwriter (nonché moglie del cantante degli Our Lady Peace, Raine Maida) Chantal Kreviazuk, sta di fatto che questi BH non sembrano proprio un bluff.

"Stars Align", disponibile alla modica cifra di 5$, segue di un paio d'anni il loro esordio sulla lunga distanza e potrebbe essere la chiave di volta per uscire dalla loro aia e farsi conoscere a livello internazionale come la promettente band che in effetti sono.

Guidati da Doug McArthur, un cantante potente dalla timbrica interessante, assimilabile in alcuni frangenti addirittura a quella di Glenn "The Voice" Hughes, i 4 canadesi si producono in 5 brani (+ 1) che spaziano dal rock corposo e al contempo melodico e sinuoso dei Ra, a quello più heavy e tosto dei post-grungers Cold, con qualche spruzzata di dark alternative metal alla Tool.

Notevole il lavoro del chitarrista Jared Daniels, il cui stile regala alle composizioni vibrazioni talora blues, talora funky, mentre la sezione ritmica, pur senza brillare, svolge il suo compito con precisione e sicurezza.

Personalmente ho un debole per l'anthemica e cultiana "Control", ma tutti i brani dell'ep meritano un plauso.

Diamo fiducia a questi giovani e talentuosi canadesi. Sapranno ripagarla.

 

Tracklist di Stars Align

  • 01. Have You Ever   4:06
  • 02. Rooftops   3:47
  • 03. Stars Align   3:23
  • 04. Control   3:23
  • 05. Bad Situation   2:54
  • 06. Rooftops Radio Edit   3:47


Discografia dei Broken Halo

  • Broken Halo (2007 Independent Release)
  • Stars Align (2009 Independent Release)


Link suggeriti

ROONEY - WILD ONE lunedì, 4 gennaio 2010 15:57 by madseason

rooney wild one front cover

  • Release Date: 27 Novembre 2009
  • Etichetta: Rooney Label
  • Produttore:  Rooney
  • Mixing engineer: Dave Trumfio

 

  • Robert Schwartzman - vocals, guitar
  • Taylor Locke - guitar, vocals
  • Louie Stephens - keyboards
  • Matt Winter - bass
  • Ned Brower - drums, vocals

[voto: 3.5]

Faccio fatica a credere che i Rooney siano una band senza un contratto discografico importante, dopo il buon successo internazionale del secondo album (targato Geffen), trascinato dal singolo-tormentone "When Did Your Heart Go Missing", stra-passato da tutte le radio rock del mondo (inclusa Virgin Radio Italia), suonato nelle discoteche e arrivato addirittura al numero uno della Top 100 tedesca.

Comunque sia, la prima prova che Robert Schwartzman e soci ci propongono da "freelance" è un gustoso antipasto in forma di EP di quello che sarà il nuovo full length, in uscita tra qualche mese.

Quattro i pezzi proposti in questo "Wild One", autoprodotto dalla band e mixato dall'esperto Dave Trumfio (tra gli altri, ha collaborato con Wilco, Ok Go, The Baldwin Brothers e Jesus and Mary Chain).

Sentiamoli: "Suckceed" (mi piace il gioco di parole) è un catchy, trascinante powerpop 100% Rooney; "I Don't Understand" è più cadenzata ma altettanto coinvolgente, con un'atmosfera vagamente "sixties"; la bella title track è uno slow con tinte westcoast; la conclusiva "The Days Keep Going By" ricorda nella strofa i Duran Duran (quelli più maturi), mentre il refrain si muove su coordinate ELO/The Cars.

L'antipasto è stato assai gradito. Aspettiamoci ora una sostanziosa portata da Gambero Rosso.



Tracklist di Wild One

  • 01. Suckceed   3:34
  • 02. I Don't Understand   3:09
  • 03. Wild One   3:12
  • 04. The Days Keep Going By   4:28


Discografia dei Rooney

  • Rooney (2003 Geffen Records)
  • Calling The World (2007 Geffen Records)
  • Wild One (2009 Independent Release)


Link suggeriti

 

 

SEABIRD - ROCKS INTO RIVERS lunedì, 4 gennaio 2010 15:47 by madseason

seabird rocks into rivers front cover

  • Release Date: 15 Dicembre 2009
  • Etichetta: Credential Recordings
  • Produttore: Paul Moak, Matt Hales   

 

  • Aaron Morgan - vocals, keyboards
  • Ryan Morgan - guitar
  • Brandon Weaver - bass
  • Preston Lane - drums

 

[voto: 3.5]

No, decisamente i Seabird non sono la band più originale del pianeta.

Ce ne eravamo già accorti con l'album d'esordio "'Til We See The Shore", che grazie all'hit single "Rescue" li aveva portati all'attenzione del pubblico USA. E questo nuovo album, che arriva a un anno e mezzo di distanza dal precedente, ce lo conferma.

Il loro sound rimane caratterizzato da un piano rock con influenze britpop, comparabile a quello di The Fray, Keane, Copeland, Coldplay, Jack's Mannequin, Snow Patrol, Starsailor e Thriving Ivory.

Detto questo, non si può negare che "Rocks Into Rivers" sia un disco di valore, superiore a "...Shore" come qualità compositiva media, gradevolissimo dall'inizio alla fine, ricco di composizioni appassionate e suggestive. Un disco in cui il piano e la voce di Aaron Morgan - mi piace il suo timbro sottile e forte allo stesso tempo, acuto e intenso - disegnano melodie sognanti ed emozionanti, qualche volta melanconiche, mentre la chitarra del fratello Ryan dona un tocco rock alle composizioni, senza offuscare mai il lavoro dei tasti d'avorio.

Aaron, fedele al suo credo cristiano, non si esime dal farcire di tematiche spirituali le liriche dei brani dei Seabird; ma grazie al cielo ci risparmia pallosi e ipocriti sermoni, puntando più sulla disamina delle difficoltà dei rapporti interfamiliari (d'altronde, per i cristiani la famiglia è una piccola chiesa) e su tematiche introspettive.

Se aggiungiamo che la produzione e gli arrangiamenti di "Rocks Into Rivers" sono di livello assoluto, viene naturale consigliare questo disco agli amanti dei gruppi sopracitati. E sconsigliarlo a chi vuole il suo poprock meno prevedibile e più audace.

 

Tracklist di Rocks Into Rivers

  • 01. Don't You Know You're Beautiful   3:31
  • 02. Believe Me   3:11
  • 03. Sing To Save My Life   4:25
  • 04. Trust   3:30
  • 05. The Good King   3:28
  • 06. Baby I'm In Love   3:23
  • 07. This Ain't Home   4:06
  • 08. The Sound Of You And I   1:53
  • 09. Don't Change A Thing   3:47
  • 10. This Road   3:46
  • 11. Finally Done Right   2:56
  • 12. Rocks Into Rivers   5:01


Discografia degli Seabird

  • Spread Your Broken Wings And Try EP (2005 Independent Release)
  • Let Me Go On EP (2007 Credential Recordings)
  • 'Til We See The Shore (2008 Credential Recordings)
  • The Silent Night EP (2009 Credential Recordings)
  • Rocks Into Rivers (2009 Credential Recordings)


Link suggeriti