FLOGGING MOLLY - LIVE AT THE GREEK THEATER martedì, 6 aprile 2010 01:00 by max.murgia

flogging molly live at the greek theater front cover

  • Release date: March 2, 2010
  • Label: Side One Dummy
  • Producer: Flogging Molly

 

  • Style: Irish Folk, Celtic Punk
  • Related bands: The Pogues, Dropkick Murphys, The Real McKenzies


[Voto: 4]

 

 

Intro
Un piccolo prezzo per un grande package (doppio cd + dvd), che immortala degnamente Dave King mentre trascina i suoi Mollies sul palco del Greek Theater di Los Angeles. Un grande live album che profuma di Guinness e di folk irlandese, una attitudine che raccoglie e fa propria l'eredità non ancora reclamata degli immensi Pogues.

Best tracks
The Likes of You Again, Drunken Lullabies, (No More) Paddy's Lament, Float, Salty Dog, Seven Deadly Sins

Notes
Chi ha avuto modo di assistere ad un concerto dei Flogging Molly (e le occasioni, anche dalle nostre parti, non sono certo mancate) saprà già cosa aspettarsi da questo disco, che vede la truppa capitanata da Dave King [preview](ve lo ricorderete qualche eone or sono in seno ai Fastway di "Waiting For The Roar"  o a capo del progetto Katmandu) immersa nel suo habitat naturale, quello della performance live. Pur non raggiungendo le vette di intensità lirica o di furore autodistruttivo che hanno fatto di Shane MacGowan l'icona punk dell'isola di smeraldo, i Mollies riescono a riempire il vuoto lasciato dai Pogues risultando assolutamente credibili nonostante il solo King possieda autentico DNA irish. I due dischetti raccolgono (quasi) per intero la testimonianza audio dello show al Greek Theater (12 settembre 2009), ma visto che anche l'occhio vuole la sua parte la band ha pensato bene di offrircene come graditissimo bonus la controparte video, raccolta in un delizioso dvd che include, inoltre, la raccolta completa di tutti i loro video-clip e un'intervista a Matt Hensley e Nathen Maxwell.

The Band

  • Dave King - vocals, acoustic guitar, electric guitar, bodhran
  • Dennis Casey - electric guitar, acoustic guitar, vocals
  • Matthew Hensley - accordion, concertina, piano, vocals
  • Nathen Maxwell - bass, vocals
  • Bridget Regan - violin, tin whistle, classical guitar, uilleann pipes, vocals
  • Robert Schmidt - mandolin, mandola, tenor banjo, five string banjo, vocals
  • George Schwindt - drums, percussion


Tracklist:
Disc 1

  • 01. The Likes Of You Again   4:46
  • 02. Swagger   2:17
  • 03. Requiem For A Dying Song   3:22
  • 04. Man With No Country   4:08
  • 05. Every Dog Has Its Day   4:12
  • 06. These Exiled Years   5:01
  • 07. Drunken Lullabies   4:03
  • 08. You Won't Make A Fool Out Of Me   2:44
  • 09. (No More) Paddy's Lament   3:53
  • 10. Us Of Lesser Gods   4:28
  • 11. The Son Never Shines (On Closed Doors)   4:31
  • 12. Float   5:04

Disc 2

  • 01. Tobacco Island   6:14
  • 02. Rebels Of The Sacred Heart   6:02
  • 03. Devil's Dance Floor   4:09
  • 04. If I Ever Leave This World Alive   3:47
  • 05. Salty Dog   3:43
  • 06. The Lightning Storm   4:11
  • 07. What's Left Of The Flag   5:33
  • 08. The Wrong Company   0:59
  • 09. The Story So Far   6:49
  • 10. The Seven Deadly Sins   4:03


Discography

  • Swagger (2000 SideOneDummy Records)
  • Drunken Lullabies (2002 SideOneDummy Records)
  • Within a Mile of Home (2004 SideOneDummy Records)
  • Float (2008 SideOneDummy Records)


Suggested links

 

SLASH - SLASH giovedì, 1 aprile 2010 16:10 by maxare

slash slash front cover

  • Release Date: April 13, 2010
  • Label: Roadrunner Records
  • Producer: Eric Valentine

 

  • Style: Hard Rock, Classic Rock
  • Related bands: Guns N' Roses

[voto: 4]

 

 

 

Intro
Il leggendario chitarrista di Guns N' Roses e Velvet Revolver torna a fare ciò che meglio gli riesce, cioè del buon vecchio Rock'n'fuckin'Roll, e per questo primo progetto solista chiama a raccolta alcuni dei nomi più in voga per far loro interpretare le canzoni.

Best tracks
Ghost, Beautiful Dangerous, By The Sword, I Hold On, Starlight

Notes
E' un disco piuttosto eterogeneo, pur muovendosi sempre nell'ambito dell'hard rock classico americano. Ogni cantante interpreta un pezzo che, stilisticamente parlando, non si discosta troppo dallo stile originale dello stesso: così abbiamo un Kid Rock che si occupa  di un sentito southern blues, Lemmy che urla un R'n'R sguaiato come solo lui sa fare, Andrew Stockdale che fa volare alta la sua voce in un epico pezzo 70s oriented o Adam Levine che offre il suo sottile timbro vocale per una delicata soul ballad.
I pezzi forti sono l'opener "Ghost" in cui Slash gioca a fare l'Angus Young della situazione e "Beautiful Dangerous" con una Fergie in gran spolvero che si muove a proprio agio tra le chitarre elettriche e distorte dell'ex ascia dei Guns N'Roses.
Brano da skippare: la strumentale "Watch This", assolutamente inutile.[preview]

The Band

  • Slash – guitars
  • Lead vocals – Ian Astbury, Ozzy Osbourne, Fergie, Chris Cornell, Andrew Stockdale, Adam Levine, Lemmy Kilmister, Kid Rock, M. Shadows, Myles Kennedy, Rocco DeLuca, Iggy Pop
  • Rhythm guitar – Izzy Stradlin
  • Bass – Flea, Lemmy Kilmister, Duff McKagan, Nick Oliveri
  • Drums & percussion – Steven Adler, Travis Barker, Lenny Castro, Dave Grohl, Steve Ferrone, Taylor Hawkins


Tracklist

  • 01. Ghost (ft. Ian Astbury & Izzy Stradlin)   3:34
  • 02. Crucify The Dead (ft. Ozzy Osbourne & Taylor Hawkins)   4:04
  • 03. Beautiful Dangerous (ft. Fergie)   4 :39
  • 04. Promise (ft. Chris Cornell)   4:40
  • 05. By The Sword (ft. Andrew Stockdale)   4:52
  • 06. Gotten (ft. Adam Levine)  5:02
  • 07. Doctor Alibi (ft. Lemmy Kilmister)   3:09
  • 08. Watch This (ft. Dave Grohl  & Duff McKagan)   3:47
  • 09. I Hold On (ft. Kid Rock)   4:16
  • 10. Nothing To Say (ft. M. Shadows)   5:27
  • 11. Starlight (ft. Myles Kennedy)   5:26
  • 12. Saint Is A Sinner (ft. Rocco DeLuca)   3:28
  • 13. We're All Gonna Die (ft. Iggy Pop)   4:32


Discography

  • Slash (2010 Roadrunner Records)


Suggested links

 

SAY IT TWICE - SAY IT TWICE EP giovedì, 1 aprile 2010 13:05 by madseason

say it twice say it twice ep front cover

  • Release Date: March 23, 2010
  • Label: Authentik Artists, Inc.
  • Producer: James Paul Wisner

 

  • Style: Alternative Rock, Synth Rock, Brit Rock
  • Related bands: MuteMath, Coldplay, U2, Jimmy Eat World, OneRepublic, Maroon5, The Killers, Kings Of Leon

 

[Voto: 3.5]

 

Intro
Giovane band originaria della California del Sud, di stanza a Los Angeles. "Say It Twice" è il suo secondo studio EP indipendente.

Best tracks
The Road You Know, Speed Of The Drum

Notes
Sound derivativo ma composizioni che denotano già una spiccata capacità di creare brani dal forte appeal commerciale, che miscelano influenze british con suoni debitori del rock americano da classifica. Da seguire.[preview]

The Band

  • John Schaefer - vocals, piano
  • Matthew Eustace - guitar
  • Matthew Farmer - guitar
  • Carlos Cacciamani - bass
  • Phillip Derochemont - drums

Tracklist

  • 01. The Road You Know   2:59
  • 02. Love Learn   3:54
  • 03. Speed Of The Drum   4:06
  • 04. Getaway   3:43
  • 05. Lies   4:21

Discography

  • Jetset Trends (2007 Independent Release)
  • Live At The Wiltern (2009 Independent Release)
  • Say It Twice (2010 Authentik Artists)

Suggested links

FICTIONIST - LASTING ECHO mercoledì, 31 marzo 2010 13:52 by madseason

fictionist lasting echo front cover

  • Release date: March 2, 2010
  • Label: Red Owl Records
  • Producer: Scott Wiley

 

  • Style: Alternative Pop, Indie Rock, Prog Rock, Classic Rock
  • Related bands: Pink Floyd, The Beatles, Radiohead, Wilco, Marillion (Steve Hogarth era)

[Voto: 4]

 

 

Intro
Secondo album per la band proveniente da Salt Lake City (Utah), originariamente chiamata Maxfield dal cognome del leader e "mente" della band.

Best tracks
Always, Blue-Eyed Universe, Strangers In The Dark, Suffering Angel, Fire Don't Set You Free

Notes
Sound originale, quello dei Lasting Echo, che vede un atmosferico e spaziale indie rock miscelarsi al rock classico, non di rado tinto di folk, con ottimi spunti progressivi che donano libertà e dinamicità alle composizioni e con una ragguardevole sensibilità pop.
Interessante la voce del frontman, che ricorda quella emozionante e carica di soul di David Gilmour.
Notevoli alcuni passaggi strumentali, con intricati layer di chitarra e ritmiche complesse, il tutto senza perdere mai di vista la musicalità dei brani, che risultano energici e introspettivi allo stesso tempo.[preview]

The Band

  • Stuart Maxfield - vocals, guitar
  • Brandon Kitterman - guitar, toys, background vocals
  • Robbie Connolly - guitar, background vocals
  • Jacob Jones - keyboards
  • Spencer Harrison - bass, background vocals
  • Aaron Anderson - drums

Tracklist

  • 01. Always   4:21
  • 02. Human Wings   3:22
  • 03. Blue-Eyed Universe   3:36
  • 04. Sunshine Of A Shell   4:17
  • 05. Strangers In The Dark   3:55
  • 06. The Well-Made Shadow   5:32
  • 07. Time To Time   2:53
  • 08. Suffering Angel   5:20
  • 09. Deeper And Deeper   3:20
  • 10. Fire Don't Set You Free   4:25
  • 11. Have Mercy   3:30

Discography

  • Invisible Hand (2009 Red Owl Records)
  • Lasting Echo (2010 Red Owl Records)

Suggested links

 

POETS OF THE FALL - TWILIGHT THEATER mercoledì, 31 marzo 2010 01:30 by max.murgia

poets of the fall twilight theater

  • Release Date: 17 Marzo 2010
  • Etichetta: Insomniac
  • Produttore: Poets Of The Fall

 

  • Marko Saaresto - lead vocals, guitar
  • Olli Tukiainen - guitar
  • Markus Kaarlonen - keyboards


[Voto: 4]



E' con malcelato gaudio che accolgo la quarta release dei Poets Of The Fall, trio finlandese ben noto in seno ai patri confini ma pressoché sconosciuto nel resto del mondo, se non per aver prestato la propria musica ad un noto videogame.

Affascinato dalle vibrazioni autunnali evocate dal loro nome, approcciai senza grande aspettative il debut-album "Sign Of Life" solo per trovarmi tra le mani un gioellino rock che faceva fatica ad abbandonare il lettore. 5 anni e tre album dopo, la fascinazione non solo continua, ma viene ulteriormente consolidata da questo "Twilight Theater", intrigante fin dall'immagine di copertina, dalla quale occhieggia un inconsueto jester, strappato quasi di peso dall'iconografia neo-progressive.
Ma è l'album nella sua globalità che colpisce positivamente, risultando per quanto mi riguarda il loro parto meglio riuscito, in virtù di un song-writing maturo e melodico quanto basta per non scivolare nella banalità.

Una maggior raffinatezza di suoni, sostenuti in alcuni brani da un efficiente sottofondo di archi, ed una qualità complessiva decisamente elevata rendono "Twilight Theater" un disco di sostanza, emotivamente coinvolgente e musicalmente appagante.
Tra le dieci tracce incluse (buona la decisione di non strafare aggiungendo inutili fillers) risulta difficile indicare le migliori; diciamo che i miei gusti vengono maggiormente soddisfatti dall'opener "Dreaming Wide Awake", con quel chorus assassino che ti si stampa nella testa, dalla suadente "Given And Denied", vagamente in stile Marillion era-Hogarth, e dalla coinvolgente "War", liricamente forse quanto di meglio possano offrire i poeti autunnali.

Gran disco, purtroppo non facilmente reperibile sul mercato e quindi destinato ad un mercato di nicchia. Peccato, perché quanto di buona la band sta offrendo meriterebbe maggior visibilità.
In ogni caso, agli interessati sarà sufficiente una carta di credito ed un veloce passaggio sul loro sito. Se non altro, farete in modo che i vostri soldi finiscano direttamente nelle tasche della band.

Tracklist di Twilight Theater

  • 01. Dreaming Wide Awake   4:22   
  • 02. War   5:03   
  • 03. Change   4:43    
  • 04. 15 Min Flame   4:58    
  • 05. Given And Denied   4:15    
  • 06. Rewind   4:20    
  • 07. Dying To Live   3:44    
  • 08. You're Still Here   3:25    
  • 09. Smoke And Mirrors   5:15    
  • 10. Heal My Wounds   5:53    


Discografia dei Poets Of The Fall

  • Sign Of Life (2005 Insomniac)
  • Carnival Of Rust (2006 Insomniac)
  • Revolution Roulette (2008 Insomniac)
  • Twilight Theather (2010 Insomniac)


Link suggeriti

 

NEON TREES - HABITS martedì, 30 marzo 2010 23:05 by maxare

neon trees

  • Release Date: 16 Marzo 2010
  • Etichetta: Mercury
  • Produttore: Tim Pagnotta

 

  • Tyler Glenn – lead vocals, keyboards
  • Chris Allen – guitars
  • Branden Campbell – bass
  • Elaine Bradley – drums, vocals


[Voto: 3.5]

Scongelati e trasportati ai giorni nostri direttamente dal 1983 (titolo del loro nuovissimo e ultra catchy singolo), ecco a voi i Neon Trees da Provo, Utah. Il loro è un ottimo debutto di pop rock dal ritmo ballabile, figlio di un certo post-punk new wave dei primissimi anni ’80 (una sorta di Blondie meets U2 meets The Plimsouls) e accostabile anche a band più moderne come The Killers, Rooney o The Sounds.

Non li scopriamo di certo noi a weChameleon: l’anno scorso sono stati in tour con The Killers e a breve intraprenderanno una tournée americana con 30 Seconds To Mars e Mutemath. Inoltre, la produzione è opera del cantante e leader della pop punk band californiana Sugarcult.

Le canzoni più rappresentative sono "1983", "Sins Of My Youth", "Our War" e il primo singolo "Animal".

L’unico vero difetto è la durata, meno di trenta minuti sono veramente pochi (solo per questo il voto non è superiore alle tre stelle e mezzo), ma se avete voglia di trascorrere una mezz’ora spensierata questo è il disco che fa per voi.

Tracklist di Habits

  • 01. Sins Of My Youth   3:38
  • 02. Love And Affection   3:03
  • 03. Animal   3:32
  • 04. Your Surrender   3:41
  • 05. 1983   3:42
  • 06. Girls And Boys In School   3:32
  • 07. In The Next Room   3:50
  • 08. Our War   4:05


Discografia dei Neon Trees

  • Habits (2010 Mercury)


Link suggeriti

 

THISORDER – INNER ISLAND domenica, 28 marzo 2010 22:43 by maxare

thisorder inner island front cover

  • Release Date: 23 Febbraio 2010
  • Etichetta: New Model Label
  • Produttore: Thisorder
  • Mastering engineer: Justin Shturtz

 

  • Emanuele Rontino – lead vocals
  • Marco Albanelli – guitar
  • Domenico Muscariello – bass
  • Thomas Manna - drums


[Voto: 3]

I Thisorder (bel monicker, ragazzi, complimenti!) sono quattro ragazzi che provengono dall'assolata Ischia benché, a conti fatti, la loro musica di solare abbia poco o nulla.

La perizia compositiva e tecnica di Emanuele, Marco, Domenico e Thomas e l'abilità nella produzione totalmente "autoctona" sono tali da poter definire il loro debutto di livello internazionale.

Hanno l'abilità di non essere mai ripetitivi cercando le soluzioni melodiche più appropriate ad ogni brano, come in "Blood Upon The Wheel" in cui un riff pesante fa da apripista a un ritornello urgente ma di ampio respiro; oppure come in "I'm Sorry" con cui comincia l'intero album, delicatamente e in maniera contenuta, per poi lasciarsi andare in un crescendo melodico che ricorda gli Afterhours di "Germi". Nella bella "Tomorrow Will Be Gone" giocano a fare i Black Lab mentre in "Fist" l'influenza dei Pearl Jam più grezzi è decisiva.

Questi ragazzi sono a loro agio sia nei momenti acustici e d'atmosfera come in "Fingers", "The Bitter Hail" e "Late Empire" (in cui pare di avvertire echi di Steve Hogarth alla voce) che in quelli più aggressivi come nelle già citate "Blood…", "I'm Sorry" o "3 Dawns". Questa alternanza rende l'ascolto dell'intero album vario e non scontato.

Paradossalmente, la canzone che meno mi piace è anche quella più melodica e che, forse anche per questo, è stata scelta come singolo e video: "Unus" mi sembra influenzata da certe sonorità garage e lo-fi che non digerisco completamente.

Come debutto non c'è male: ora non fermatevi e continuate a crescere!


Tracklist di Inner Island

  • 01. I'm Sorry   4:12
  • 02. Fingers   4:45
  • 03. Unus   3:18
  • 04. Rashua   4:52
  • 05. Blood Upon The Wheel   4:01
  • 06. The Bitter Hail   3:35
  • 07. 3 Dawns   4:33
  • 08. Tomorrow Will Be Gone   5:00
  • 09. Fist   3:09
  • 10. Late Empire   18:59


Discografia dei Thisorder

  • Inner Island  (2010 New Model Label)


Link suggeriti

 

AUDREY HORNE - AUDREY HORNE venerdì, 26 marzo 2010 00:42 by amaranth

Audrey Horne Audrey Horne front cover

  • Release Date: 1 Marzo 2010
  • Etichetta: Indie Recordings
  • Produttore: Joe Barresi

 

  • Toschie - vocals
  • Ice Dale - guitars, bass
  • Thomas Tofthagen - guitars
  • Kjetil Greve - drums

[Voto: 4]

 

Prendete un genere musicale. Pensate alla sua evoluzione. Prendete dei musicisti cresciuti in un determinato contesto cimentarsi con un genere completamente nuovo per i loro canoni. Lo sforzo creativo li porterà, quasi sicuramente, a generare qualcosa di ben più avvincente, e perchè no originale, anche rispetto a chi quel determinato genere lo suona da decenni!

Vi spiego meglio. Audrey Horne (do you remember Twin Peaks?) anno 2005, band di origine norvegese, primo disco, "No Hay Banda". Clamoroso esempio di come fondere l'alternative rock/metal e il crossover anni novanta di band come Alice In Chains, Faith No More e primi Tool, il tutto confezionato, sorpresa, da musicisti di estrazione black/death metal (ex membri di Gorgoroth e Enslaved per la cronaca)!

Dopo la replica a titolo "Le Fol", il terzo self title album di questi ragazzacci di Berger spinge il loro alternative metal verso un hard rock di stampo seventies, intenso e drammatico nell'incendere, avallato dalla produzione dell'esperto Joe Barresi (Queen Of The Stone Age, Kyuss, Fu Manchu, Tomahawk). L'evoluzione non è molto distante da quanto fatto in passato dagli Amorphis di "Tuonela" e "Am Universum", o forse il paragone più calzante è quello di altri ex black/death metallers approdati in territori più classici, ossia i connazionali Green Carnation.

Persistono retaggi metal, ruffiani quanto efficaci a livello esecutivo, ma il fulcro su cui girano "Circus", "Sail Away", i chiaroscuri della stupenda "Down Like Suicide", la vorticosa "Blaze Of Ashes" e l'atmosfere plumbee di "Firehose", è un dinamico hard rock anni settanta dal piglio moderno, scolpito con l'utilizzo massiccio di un minaccioso hammond.

Non c'è che dire, gli Audrey Horne sono riusciti nell'impresa di ripulire il flusso sonoro incontrollato delle loro origini estreme e coinvogliarlo in un sound moderno ma allo stesso tempo classicamente rock, adulto e altamente descrittivo.

PS: Nella limited edition troverete 4 brani acustici e due cover: "Nowhere To Run" dei Kiss, e addirittura "Halo" di Beyonce, in una versione tombale per solo piano e voce (!)


Tracklist di Audrey Horne

  • 01. These Vultures   1:45
  • 02. Charon   4:26
  • 03. Circus   3:33
  • 04. Down Like Suicide   3:54
  • 05. Blaze Of Ashes   4:44
  • 06. Sail Away   5:41
  • 07. Bridges And Anchors   4:36
  • 08. Pitch Black Mourning   6:14
  • 09. Firehouse   6:06
  • 10. Darkdrive   5:31
  • 11. Godspeed   3:33

Limited Edition Digipack-only tracks

  • 01. Desert   3.08
  • 02. Carrie   3.58
  • 03. Bright Lights   3.42
  • 04. Nowhere To Run   4.32
  • 05. Rearview Mirror?   4.01
  • 06. Halo   3.42


Discografia degli Audrey Horne

  • Confessions & Alcohol EP (2005 Tuba Records / DogJob)
  • No Hay Banda (2005 Essential)
  • Le Fol (2007 Indie Recordings)
  • Audrey Horne (2010 Indie Recordings)


Link suggeriti