RICHIE KOTZEN - PEACE SIGN sabato, 23 gennaio 2010 16:30 by soulmover

richie kotzen peace sign front cover

  • Release date: : 17 Novembre 2009
  • Etichetta: Headroom-Inc
  • Produttore: Richie Kotzen

 

  • Richie Kotzen - vocals, guitars, keyboards, bass, drums

 

 

 

[voto: 3.5]

Non molti artisti oggi sono così prolifici in campo discografico come l'ex-chitarrista di Poison e Mr Big, Richie Kotzen. Considerando l'impressionante numero di concerti tenuti all'anno (ultimamente è stato spesso anche in Italia) è incredibile la frequenza con cui si propone sul mercato e soprattutto l'alto standard qualitativo delle sue uscite.
Oggi Richie è un artista completo: abile compositore, polistrumentista virtuoso, singer graziato da una voce degna dei migliori frontmen hard blues. Ed assistere ad un suo concerto - personalmente ho perso il conto delle volte che ho potuto ammirarlo nella dimensione live - è un'esperienza consigliatissima a tutti, perchè è soprattutto dal vivo che esprime il suo talento sciamanico.

Come ogni artista che si possa definire tale, Kotzen ha dichiarato che "Peace Sign", la sua ultima fatica in studio, è il suo disco migliore.
Per noi umili ascoltatori non lo è. Non ha tutta la classe soul e le melodie del recente progetto con Richie Zito "Wilson Hawk", non possiede il magico interplay tra musicisti creatosi nello stupendo "The Return Of The Mother Head's Family Reunion" (uscito come "Go Faster" negli USA), non ha quell'anima agrodolce che faceva vibrare "Into The Black".

Ma rimane un ottimo disco, in cui lo stile del quarantenne artista della Pennsylvania, ormai maturo e riconoscibilissimo, sa soddisfare i palati del popolo della sei-corde come quelli degli amanti del rock in cui blues, soul e funky si fondono in un riuscito tutt'uno musicale.
Le radici dell'album vanno ricercate nel sound senza tempo di Stones, Free, Faces, Hendrix, dei Deep Purple di Glenn Hughes e Tommy Bolin. E il robusto albero che poggia su queste radici, ci regala - nella forma di canzoni - frutti dal gusto pregiato: assaggiateli, non ve ne stancherete facilmente.
Peace!

Tracklist di Peace Sign

  • 01. My Messiah   2:59
  • 02. Long Way From Home   3:57
  • 03. Paying Dues   4:52
  • 04. Peace Sign   5:22
  • 05. Best of Times   4:50
  • 06. We're All Famous   3:58
  • 07. You Got Me   3:11
  • 08. Your Entertainer   3:52
  • 09. Catch Up To Me   3:42
  • 10. Lie To Me   4:07
  • 11. Larger Than Life   4:37
  • 12. Holding On   4:09


Discografia di Richie Kotzen
(album da solista)

  • Richie Kotzen (1989 Shrapnel)
  • Fever Dream (1990 Shrapnel)
  • Electric Joy (1991 Shrapnel)
  • Mother Head's Family Reunion (1994 Universal Music)
  • Inner Galactic Fusion Experience (1995 Shrapnel)
  • Wave Of Emotion (1996 Spitfire)
  • Something To Say (1997 Spitfire)
  • What Is (1998 Spitfire)
  • Bipolar Blues (1999 Blues Bureau International)
  • Break It All Down (1999 Spitfire)
  • Slow (2001 Yamaha Music Communications)
  • Change (2003 Shrapnel)
  • Acoustic Cuts (2003 Headroom Inc)
  • Get Up (2004 Yamaha Music Communications)
  • Instrumental Collection: The Shrapnel Years (2006 Shrapnel)
  • Aisenshi ZxR (2006 Wint)
  • Into The Black (2006 Headroom-Inc)
  • Return Of The Mother Head's Family Reunion (2007 Headroom-Inc)
  • Go Faster (2007 Headroom-Inc)
  • Live In Sao Paulo (2008 Headroom-Inc)
  • Peace Sign (2009 Headroom-Inc)



Link suggeriti

 

ELECTRIC MARY - DOWN TO THE BONE venerdì, 22 gennaio 2010 23:59 by soulmover

electric mary down to the bone front cover

  • Release date: : 25 Maggio 2009 - 4 Gennaio 2010
  • Etichetta: IRUSTU Records - Megaphon
  • Produttore: Electric Mary

 

  • Rusty - vocals
  • Irwin Thomas - guitar, background vocals
  • Pete Robinson - guitar, background vocals
  • Fox Fagan - bass, background vocals
  • Venom - drums

 

[voto:3.5]

Da fan di Irwin Thomas (alias Jack Jones), chitarrista/cantante/songwriter che nel corso degli anni '90 ha scosso i cuori degli amanti dell'aor/rock melodico con i suoi Southern Sons (from Australia - nelle cui fila militava un allora giovane e non ancora famoso Virgil Donati), mi sono avvicinato alla sua nuova creatura con una certa curiosità.
Ho seguito la sua evoluzione musicale e l'ho trovata molto interessante: dalle forti tinte melodiche degli esordi il nostro è passato ad un rock più alternativo e sperimentale nel suo progetto solista "The Evolution Of Irwin Thomas" del 2002, nel quale, in certi episodi, per modulazione e timbro vocale, si avvicina al grande Jeff Buckley; ed ora eccolo all'opera con i bollenti Electric Mary, in cui si dedica al solo ruolo di chitarrista.

Reclutati un singer dall'ugola cartavetrata adatta al genere ed un pugno di rockers australiani, ci consegna una manciata di canzoni dall'alto impatto elettrico e caratterizzate da una forte urgenza. In tutte le tracce si respira un gusto per il classic rock dei seventies: riff granitici colpiscono come pugni nello stomaco (in "One In A Million" sembra di ascoltare una versione anabolizzata dei Led Zeppelin), valorizzati da una produzione all'altezza
e da un guitar working sempre sopra le righe. Le due chitarre sono pannate una a destra ed una a sinistra come da miglior tradizione hard rock ed è interessante ascoltare le differenze di stile dei due axemen.
Ma non manca un gusto più moderno che attinge alla sacra fonte del grunge.

Insomma, un melting pot in cui regna sovrano il rock n roll. Quello vero, quello che puzza di birra e assi del palco.
Gli amanti di Velvet Revolver, Slash's Snakepit, Buckcherry, Audioslave non potranno evitare di farsi abbrustolire dall'alto voltaggio sprigionato dai solchi di questo disco. Play it loud!


Tracklist di Down To The Bone

  • 01. Sorry   2:56
  • 02. Let Me Out   3:15
  • 03. One In A Million   5:02
  • 04. No One Does It Better Than Me   2:36
  • 05. Luv Me   3:24
  • 06. Right Down To The Bone   4:04
  • 07. Gasoline And Guns   3:46
  • 08. One Foot In The Grave   2:12
  • 09. Do Me (Long Way From Home)   4:02
  • 10. All Comin Down   3:26
  • 11. Spread The Electric Luv   2:46


Discografia degli Electric Mary

  • Four Hands High (2004 Big Records)
  • The Definition Of Insanity ep (2007 IRUSTU Records)
  • Down To The Bone (2009 IRUSTU Records - 2010 Megaphon)


Link suggeriti

 

MUSE - THE RESISTANCE venerdì, 22 gennaio 2010 18:10 by francesca

 

muse the resistance front cover

  • Release Date: 15 Settembre 2009
  • Etichetta: Warner Bros

 

 

 

 

 

 

Ecco un album interamente dedicato ad un romanzo: The Resistance, l’ultima fatica dei Muse, uscito lo scorso settembre, strizza l’occhio al rock sinfonico con undici tracce molto interessanti. I brani fanno infatti rivivere la storia claustrofobica di Winston Smith, protagonista di 1984, di George Orwell. Il romanzo, scritto nel 1948 e pubblicato l’anno successivo, profetizza un futuro non tanto lontano da quello dell’autore, in cui l’umanità è costantemente monitorata dal “Grande Fratello”, il sistema politico il cui occhio mediatico governa il mondo diviso in tre blocchi: Oceania, Eurasia ed Estasia. In 1984 la realtà orwelliana, autentica distopia, è lo specchio dei regimi totalitari protagonisti della storia politica del XX secolo: un’ampia parabola che abbraccia le origini delle dittature europee, la II Guerra Mondiale e la Guerra Fredda. L’autore immagina uno scenario futurista dominato dalle macchine, strumento potente nelle mani di pochi, in cui tutto è possibile tranne pensare. L’individuo è così totalmente disumanizzato, indotto ad una innaturale apatia dove sentimenti, pulsioni e ricordi sono repressi, mentre le relazioni tra i due sessi sono finalizzate alla sola perpetuazione della specie.
United States of Eurasia, Exogenesis, Uprising, The Resistance, sono al tempo stesso autentici inni alla rivolta contro ogni forma di asservimento psicologico delle masse e messaggio di speranza di riscatto del genere umano: Ricominciamo (…) E’ la nostra ultima possibilità di perdonarci, recitano i versi di Exogenesis.
Stavolta dalla scatola cinese spuntano fuori ben due canzoni quelle che, a nostro avviso, sono tra le più rappresentative e anche le più ascoltate: l’urlo di battaglia di Upsiring e The Resistance, inequivocabile richiamo alla storia d’amore clandestina tra Winston e Julia, che il brano sorprende intenti a bisbigliare il loro amore, drammaticamente divisi tra il terrore di essere scoperti e l’impulso alla fuga.
Riascoltiamo allora le canzoni con una raccomandazione: non pensiate di soddisfare il vostro voyeurismo leggendo 1984, il Grande Padre di tutti i Grande Fratello televisivi, frontiera ormai sorpassata della real tv dell’ultimo decennio, stavolta guarderà voi!

 

LA RIVOLTA
 
La paranoia dilaga,
Le trasmissioni radio riprenderanno
Cerco di vender droga
Per offuscare le nostre menti, nella speranza
Che mai vedremo la verità attorno a noi
Quindi, forza!

Un'altra promessa, un'altra scena, un'altra...
Una menzogna ben confezionata per solleticare la nostra avidità
E tutte quelle fasce verdi attorno alle nostre menti
E un interminabile nastro rosso per confinare la verità
Quindi, forza!

Non ci costringeranno
Smetteranno di umiliarci
Non ci controlleranno
E saremo vittoriosi

Controllo intercambiabile del pensiero
Giungi, lascia che la rivoluzione chieda il suo pedaggio,  se potessi
Schiacciare il pulsante e aprire il tuo terzo occhio, vedresti che
Morire non dovrebbe mai farci paura
Quindi, forza!

Sollevatevi e riprendetevi il potere, è tempo che
I porci crepino di cuore, sapete che
Il loro tempo sta giungendo alla fine
Dobbiamo unirci e guardar issare la nostra bandiera
Quindi, forza!

Non ci costringeranno
Smetteranno di umiliarci
Non ci controlleranno
E saremo vittoriosi

Non ci costringeranno
Smetteranno di umiliarci
Non ci controlleranno
E saremo vittoriosi

 

LA RESISTENZA

Il tuo segreto è al sicuro stanotte?
E siamo ben nascosti?
O il nostro mondo andrà a rotoli?

Scoveranno il nostro nascondiglio?
E' questo il nostro ultimo abbraccio?
O le mura son destinate a crollare?

(Forse sarà sbagliato, sarà sbagliato)
Ma sarebbe dovuto essere legittimo
(Forse sarà sbagliato, sarà sbagliato)
Ma sarebbe dovuto essere giusto
Accendiamo i nostri cuori
(Forse sarà sbagliato, sarà sbagliato)
Ci stiamo scavando la fossa?
(Forse sarà sbagliato, sarà sbagliato)
Tutto ciò ci sta sfuggendo di mano.

(Forse sarà sbagliato, sarà sbagliato)
Non potrà mai durare
(Forse sarà sbagliato, sarà sbagliato)
Dobbiamo cancellare tutto e subito
(Forse sarà sbagliato, sarà sbagliato)
Ma sarebbe potuto essere giusto
(Forse sarà sbagliato, sarà sbagliato)

L'amore è la nostra resistenza!
Ci tengono divisi e non smetteranno di avvilirci
Abbracciami, le nostre labbra sigillate in eterno

Se viviamo la nostra vita nella paura
Mille anni aspetterò
Solo per vederti sorridere di nuovo

Soffoca le tue preghiere per l'amore e la pace
O sveglierai la psicopolizia
Possiamo celare la verità dentro di noi

(Forse sarà sbagliato, sarà sbagliato)
Ma sarebbe dovuto essere legittimo
(Forse sarà sbagliato, sarà sbagliato)
Ma sarebbe dovuto essere giusto
Accendiamo i nostri cuori
(Forse sarà sbagliato, sarà sbagliato)
Ci stiamo scavando la fossa?
(Forse sarà sbagliato, sarà sbagliato)
Tutto ciò è fuori controllo.

(Forse sarà sbagliato, sarà sbagliato)
Non potrà mai durare
(Forse sarà sbagliato, sarà sbagliato)
Dobbiamo cancellare tutto e subito
(Forse sarà sbagliato, sarà sbagliato)
Ma sarebbe potuto essere giusto
(Forse sarà sbagliato, sarà sbagliato)

L'amore è la nostra resistenza!
Ci tengono divisi e non smetteranno di avvilirci
Abbracciami, le nostre labbra sigillate in eterno

La notte è giunta al termine
Non possiamo fingere
Dobbiamo correre
Dobbiamo correre
E' tempo di correre

Portaci via da qui
Proteggici dal male che verrà
Resistenza!

 

traduzione by Francesca N.

 

                 

 

Versioni cinematografiche e film d’ispirazione:

  • "Fahrenheit 451" (1966), regia di François Truffaut, con Oskar Verner e Julie Christie.
  • "1984" (1984), regia di Michael Radford, con John Hurt e Richard Burton.
  • "Brazil" (1985) regia di Terry Gilliam, con Sam Lowry e Robert De Niro.
  • "Equilibrium" (2002), regia di Kurt Wimmer, con Christian Bale.

 

Note:


Eric Arthur Blair, alias George Orwell
(1903  Motihari, India-  1950 Londra)                                          

Romanzo d'esordio: Down And Out In Paris And London.

 

 

 

 

 

 

 

 

Nineteen Eighty-Four
London: Secker & Warburg, 1949 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

DEFAULT - COMES AND GOES venerdì, 22 gennaio 2010 10:20 by amaranth

  • Release Date: 29 Settembre 2009
  • Etichetta: EMI
  • Produttore: Bob Marlette

 

  • Dallas Smith – vocals
  • Jeremy Hora – guitar
  • Dave Benedict – bass guitar
  • Danny Craig – drums

 

 

[voto:3.5]

Parliamoci chiaro, tutto il modern rock americano (o sarebbe meglio dire canadese in questo caso?), ha nei cromosomi parti ben consistenti delle sonorità classiche hard rock/AOR, con cui bene o male quelli oggi tra gli "enta" e gli "anta" son cresciuti a cavallo tra eighites e nineties. Non fate quella faccia e non storcete il naso. E' la sacrosanta verità. Oggi come ieri la "base" melodica rimane invariata, cosi come l'interesse delle major di turno nel produrrre e pubblicare dischi di questo genere. Cambia l'involucro esterno ma l'essenza è sempre quella. Certo tutto questo rischia di sortire l'effetto contrario, cosi come accadde nei primi anni novanta, la troppa esposizione e la quantità sterminata di gruppi simili tra di loro rischia di affossare definitivamente questo stile di musica. E' tutto al posto giusto nelle produzioni di oggi, canzoni, melodie, arrangiamenti.

"Comes And Goes", quarto disco in studio dei canadesi Default, non è scevro dai suddetti difetti. Forgiati e plasmati da Bob Marlette (già con loro dal precedente "One Thing Remains", tanto per intendersi uno che maneggiava già sapientemente materia "melodica" e non solo già 20 anni fa!) con pesanti "inezioni" a cura di Marti Frederiksen in sede di scrittura, i Default firmano un quarto disco stilisticamente perfetto, allineato alle frequenze del corporate rock, con cascate di melodie cristalline tagliate per l'airplay radiofonico. Molto vicini in questo senso agli ultimi Theory Of A Deadman, i Default si presentano con una scorta di brani rotondi dal gran senso melodico, alternando con sapienza l'hard rock ("Turn It On", "Goodbye", "Fascination") e slow number tra cui citerei "Little Too Late", il vertice melodico di questo lavoro, un singolo di successo fatto e finito. Tanto per rendervi conto della bontà del prodotto in questione, il brano "All Over Me", riporta tra i credits un certo Richard Marx. Non sarà tutta farina del loro sacco, ma "Comes And Goes" è di sicuro appannaggio di incalliti modern rockers, e perchè no chic rockers senza paraocchi!

 

Tracklist di Comes And Goes

  • 01. Turn It On   4:02
  • 02. All Over Me   3:50
  • 03. Little Too Late   3:58
  • 04. Goodbye   3:02
  • 05. Show Me   3:55
  • 06. Hold Onto You   3:51
  • 07. Comes And Goes   3:49
  • 08. Supposed To Be   4:16
  • 09. Caught In The Moment   4:37
  • 10. Fascination   3:39
  • 11. Yesterday's Song   3:30
  • 12. Show Me (Acoustic)   3:55 (iTunes Bonus Track)


Discografia dei Default

  • The Fallout (2001 TVT)
  • Elocation (2003 TVT)
  • One Thing Remains (2005 TVT)
  • Comes And Goes (2009 EMI)


Link suggeriti

THRIVING IVORY - TELL ME YOUR NAME ep giovedì, 21 gennaio 2010 22:54 by max.murgia

thriving ivory tell me your name front cover

  • Release Date: 23 Novembre 2009
  • Etichetta: Wind-up Records

 

  • Clayton Stroope - vocals
  • Drew Cribley - guitar, vocals
  • Scott Jason - piano, keyboards
  • Bret Cohune - bass
  • Paul Niedermier - drums, percussion

 

[voto:4]

Con quattro pezzi live e due nuovi brani, tra cui una cover ben riuscita di "Kiss The Rain" di Billie Myers, i Thriving Ivory sembrano volerci dire "siamo ancora qui, torneremo presto, non dimenticateci".
E noi non vogliamo assolutamente dimenticarci di loro, che con quell' intrigante disco d'esordio targato 2008 su Wind-up Records ci avevano così favorevolmente impressionato, ma è chiaro che avremmo preferito un reminder un po' più sostanzioso di questo EP, uscito tra l'altro solo in formato digitale (si trova tranquillamente sull'iTunes store americano per poco più di 5 dollari).
Anche perché i brani live, a parte confermarci l'efficacia della band anche al di fuori dello studio, poco aggiungono a quanto già avevamo intuito lo scorso anno. Il vero motivo d'interesse risiede nei due brani nuovi... o quasi, visto che stiamo parlando di una cover, che in quanto tale (e nonostante risultati tutt'altro che disprezzabili) lascia un pò il tempo che trova, e di un ripescaggio di "Flowers For A Ghost", presente nella versione indie dell'album d'esordio e criminalmente tralasciata nella riedizione Wind-up. Il pezzo è davvero notevole, pur non risultando particolarmente originale, con quell'inizio che fa tanto "Les Morts Dansant" dei Magnum, e quella fine un pò alla "Crown Of Thorns" dei mai dimenticati Mother Lover Bone, il tutto diluito in salsa alt-pop.

Siete fan della band? Procuratevi al volo questo mini-album. Ancora non li conoscete? Risparmiate i soldini, e procuratevi il loro album d'esordio. Noi? Ce lo facciamo bastare, in attesa del fatidico secondo album, che speriamo veda la luce in questo neonato 2010.


Tracklist di Tell Me Your Name

  • 01. Kiss The Rain   4:29
  • 02. Flowers For A Ghost   4:10
  • 03. Runaway (live)   5:29
  • 04. Alien (live)   4:20
  • 05. Angels On The Moon (live)   4:42
  • 06. For Heaven's Sake (live)   4:43


Discografia dei Thriving Ivory

  • Secret Life EP (2004 Independent Release)
  • Thriving Ivory (2006 Wolfgang Records)
  • Thriving Ivory (2008 Wind-up Records)
  • Tell Me Your Name EP  (2009 Wind-up Records)


Link suggeriti

STANFOUR - RISE AND FALL mercoledì, 20 gennaio 2010 22:30 by madseason

stanfour rise and fall front cover

  • Release Date: 4 Dicembre 2009
  • Etichetta: We Love Music - Universal Music

 

  • Konstantin Rethwisch - vocals
  • Christian Lidsba - guitar
  • Alexander Rethwisch - keyboards, vocals
  • Eike Lüchow - bass, electronics, vocals

 


[voto:3.5]

A sentirli senza sapere chi sono non ci si azzeccherebbe mai che gli Stanfour vengono dalla Germania. Eppure sono dell'isola di Föhr, nell'arcipelago delle Frisone Settentrionali, vicino alla Danimarca, per intenderci. C'è da dire però che i fratelli Rethwisch hanno vissuto parecchio tempo a Los Angeles, lavorando a stretto contatto con un produttore di colonne sonore di film: non so se questo fatto da solo possa spiegare il sound anglofono della band, di certo è un indizio importante.

Gli Stanfour si producono dunque, con questa loro seconda prova, in un melodic pop rock di impronta pianistica dalle atmosfere avvolgenti, con un sound paragonabile a quello di band americane/britanniche come Umbrellas, Coldplay, Starsailor, OneRepublic, Travis, Keane e Saybia (questi ultimi danesi, a onor del vero).

Forse il loro limite maggior è proprio quello di non avere ancora un'identità ben delineata che permetta loro di distinguersi dalla marea di band che hanno abbracciato sonorità del genere negli ultimi anni; di certo non si può dire che Konstantin Rethwisch e la sua truppen non sappiano comporre ed arrangiare al meglio brani ben orchestrati, gradevolissimi e intensi. Basta ascoltare la trascinante "Wishing You Well", primo singolo, nonché opener dell'album, per rendersene conto. O l'appassionata "Sail On". O, ancora, la sognante e profonda "Take Me Or Leave Me".

Insomma, "Rise And Fall" si rivela un disco a cui non mancano certo le belle canzoni, più maturo del precedente "Wild Life" - che ricordiamo più hit-oriented, più solare, direi "boybandesco" - e a cui manca giusto quel quid di personalità in più per entrare nella categoria "disconi del 2009". Sarà per il 2010? Vedremo, per il momento possiamo felicemente accontentarci.

 

Tracklist di Rise And Fall

  • 01. Wishing You Well   05:22
  • 02. Sail On   04:10
  • 03. Life Without You   03:55
  • 04. Say You Care   04:29
  • 05. Tired Again   03:50
  • 06. Face To Face   03:31
  • 07. Take Me Or Leave Me   03:10
  • 08. Bittersweet   03:44
  • 09. Stars   04:13
  • 10. I'll Wait For You   03:47
  • 11. Everything Has Changed   05:46


Discografia degli Stanfour

  • Wild Life (2008 Vertigo Records Berlin - Universal Music)
  • Rise And Fall (2009 We Love Music - Universal Music)


Link suggeriti

 

     

     

WINGER - KARMA mercoledì, 20 gennaio 2010 16:47 by max.murgia

winger karma front cover

  • Release Date: 16 Ottobre 2009
  • Etichetta: Frontiers Records
  • Produttore: Kip Winger

 

  • Kip Winger - vocals, bass
  • Reb Beach - guitar
  • John Roth - guitar
  • Rod Morgenstein - drums

 

[voto:3]

Nella musica come nella vita le certezze sono sempre troppo poche. Ma se nel secondo caso poco si può fare, nel primo è bello sapere di poter contare su realtà rodate e consolidate tra cui, naturalmente, i protagonisti di questa recensione.

"Karma" rappresenta il secondo capitolo di quella che a tutti gli effetti va considerata la seconda giovinezza dell'ensemble guidato da Kip Winger, una seconda giovinezza inaugurata poco più di tre anni fa dal pur valido "IV", ma che trova ora la sua giusta dimensione grazie ad una raccolta di brani diretti ed incisivi che riportano in superficie le sonorità di "Pull" senza peraltro cadere nella trappola dell'autocelebrazione.

Che da i solchi di "Karma" si sprigioni una neanche troppo velata voglia di tornare al passato credo sia abbastanza evidente, ma occorre dare credito a Kip Winger e compagni di essere riusciti a farlo mantenendo "l'equilibrio" della maturità, sfornando così un disco di classe, fatto da quarantenni, per quarantenni. Da segnalare, caso mai ce ne fosse bisogno, la solita, ottima prova vocale di Kip Winger ma soprattutto la performance chitarristica di Reb Beach, che è bravo di default ma che quando tira fuori l'anima riesce anche ad incantare, come per esempio nel lungo solo di "Witness", letteralmente da brividi.

Detto questo, perdoniamo alla band anche il testo pre-puberale di "Deal With The Devil", forse l'unico episodio di cui avremmo fatto a meno.


Tracklist di Karma

  • 01. Deal With The Devil
  • 02. Stone Cold Killer
  • 03. Big World Away
  • 04. Come A Little Closer
  • 05. Pull Me Under
  • 06. Supernova
  • 07. Always Within Me
  • 08. Feeding Frenzy
  • 09. After All This Time
  • 10. Witness
  • 11. First Ending


Discografia dei Winger

  • Winger (1988 Atlantic Records)
  • In The Heart Of The Young (1990 Atlantic Records)
  • Pull (1993 Atlantic Records)
  • IV (2006 Frontiers Records)
  • Karma (2009 Frontiers Records)


Link suggeriti

 

PER GESSLE – GESSLE OVER EUROPE (CD+DVD) martedì, 19 gennaio 2010 17:55 by maxare

per gessle gessle over europe front cover

  • Release date: 23 Ottobre 2009
  • Etichetta: Elevator Entertainment AB - Capitol Records

 

  • Per Gessle - vocals, guitars
  • Helena Josefsson - vocals
  • Christoffer Lundquist - guitar, vocals
  • Clarence Öfwerman - keyboards
  • Magnus Börjeson - bass, vocals
  • Pelle Alsing: drums

[voto:5]

Ci sono personaggi, nel mondo della musica, che non dovrebbero avere bisogno di alcuna presentazione ma che, a dispetto di una carriera ricca di successi, sono perlopiù sconosciuti al grande pubblico.
Per Gessle è proprio uno di questi personaggi: benché con i suoi Roxette abbia venduto più di 70 milioni di dischi in tutto il mondo tra album e singoli e sebbene sia l'unico (o quasi) responsabile delle composizioni del duo svedese, ritengo che sia un artista sottovalutato e ingiustamente ignorato dalla massa.
Nella sua trentennale carriera - la release d'esordio, con il suo primo gruppo Gyllene Tider, è del 1978 - è passato con disinvoltura dal bubble gum power pop alla dance, dall'AOR a sonorità più sofisticate, lasciando sempre che fosse la melodia a farla da padrone. Le sue canzoni, seppur finemente arrangiate, non indugiano mai in inutili masturbazioni mentali fini a sé stesse, anzi, spesso catturano l'ascoltatore con un riff e una strofa semplici e lo conducono velocemente al ritornello, ancor più semplice, se possibile, ma talmente accattivante che è impossibile resistervi.

Nel 2002, i Roxette si presero una pausa, anche a causa del tumore al cervello dell'altra metà del duo, Marie Fredriksson, poi fortunatamente guarita; Per Gessle si dedicò, quindi, ad una carriera solista di grande successo - ma solo nella natìa Svezia - alternando dischi cantati in svedese a quelli in inglese e cogliendo l'occasione per una reunion con i Gyllene Tider, giusto il tempo di un album e di un tour da record, il più grande di tutti i tempi in Svezia.

"Gessle Over Europe" è il primo live album solista per Per Gessle ed è stato registrato in varie date del tour europeo intrapreso nella primavera del 2009 per promuovere l'ultimo lavoro in studio, il pop-danzereccio "Party Crasher"; in realtà, di quest'ultimo solo una traccia è stata inclusa nel cd (l'acustica "Doesn't Make Sense") e la spiegazione sta nelle stesse parole di Per, raccolte dal sito The Daily Roxette: "I wanted the set to be guitar-based, straight forward power-pop with great vocal harmonies and silly power-chords here and there. The PC-album is totally different".

L'album risulta come un vero e proprio riassunto celebrativo della carriera di Per Gessle, tra hit dei Roxette e canzoni dai suoi dischi solisti, soprattutto dal progetto "Son Of A Plumber", gioiellino power pop uscito nel 2006 e che straordinario successo ebbe in patria, dove ottenne il disco di platino il giorno stesso di uscita.
Lo stile, nel complesso, è piuttosto omogeneo, non c'è grande differenza tra la più nota produzione dei Roxette e quella solista, se non che nei suoi ultimi dischi Per mostra una discreta attenzione verso sonorità più acustiche.

Certo è che, quando ha voglia di rockare, questo svedese cinquantunenne sa il fatto suo: canzoni come "Dressed For Success", "Opportunity Nox" o "Sleeping In My Car" sono mascherate da semplici pop song ma hanno una sincera attitudine rock; partono da riff magari elementari ma decisi e sfociano in quei cori festaioli che ti entrano in testa e non escono più per giorni e giorni anche dopo un solo ascolto.

La band è più che solida e rodata (notevole la voce di Helena Josefsson, più delicata ed eterea di quella di Marie Fredriksson) in quanto è composta da membri che suonano con Gessle oramai da diversi anni, alcuni addirittura dai tempi dei Roxette.
Tempi che, a quanto pare, finalmente stanno per ritornare: dopo la re-union dello scorso anno per la serie di concerti "Night Of The Proms", a detta dello stesso Per, il 2010 sarà completamente dedicato ai Roxette, con i quali sarà in studio fino a metà estate.
E siamo sicuri che, anche questa volta, non ci annoieranno, ma ci porteranno dritti al ritornello!

Nota: Il DVD, oltre a svariati bonus (video ed interviste), contiene il filmato completo del concerto tenutosi al Cirkus di Stoccolma lo scorso 9 Maggio, ultima data della tournée.

 

Tracklist di Gessle Over Europe

  • 01. Dressed For Success   4:24 (from "Look Sharp!")
  • 02. Drowning In Wonderful Thoughts About Her   2:38 (from "Son Of A Plumber")
  • 03. Stupid   3:46 (from "The World According To Gessle")
  • 04. Wish I Could Fly   4:37 (from "Have A Nice Day")
  • 05. She Doesn't Live Here Anymore   3:44 (from "Don't Bore Us, Get To The Chorus!")
  • 06. 7twenty7 (Amsterdam)   3:30 (from "Have A Nice Day")
  • 07. I Have A Party In My Head (I Hope It Never Ends)   2:11 (from "Son Of A Plumber")
  • 08. Late, Later On   3:56 (from "Son Of A Plumber")
  • 09. Listen To Your Heart   3:12 (from "Look Sharp!")
  • 10. Do You Wanna Be My Baby?   4:03 (from "The World According To Gessle")
  • 11. Opportunity Nox   2:46 (from "The Pop Hits")
  • 12. Doesn't Make Sense   4:50 (from "Party Crasher")
  • 13. Joyride   5:16 (from "Joyride")
  • 14. C'mon   2:50 (from "Son Of A Plumber")
  • 15. Are You An Old Hippie, Sir?   1:41 (from "Son Of A Plumber")
  • 16. It Must Have Been Love   4:01 (from "Pretty Woman O.S.T.")
  • 17. The Look   5:05 (from "Look Sharp!")
  • 18. Hey Mr DJ (Won't You Play Another Love Song)   2:33 (from "Son Of A Plumber")
  • 19. (I'm Not Your) Steppin' Stone   2:38 (cover de The Monkees)
  • 20. Sleeping In My Car   3:48 (from "Crash! Boom! Bang!")
  • 21. Queen Of Rain   3:39 (from "Tourism")


Discografia di Per Gessle (sono esclusi gli album cantati in svedese)

  • Gyllene Tider - The Heartland Cafè (1984, EMI)
  • Roxette - Pearls Of Passion (1986, EMI)
  • Roxette - Look Sharp! (1988, EMI)
  • Roxette - Joyride (1991, EMI)
  • Roxette - Tourism (1992, EMI)
  • Roxette - Crash! Boom! Bang! (1994, EMI)
  • Roxette - Don't Bore Us, Get To The Chorus! (1995, EMI)
  • Roxette - Baladas En Español (1996, EMI)
  • Per Gessle - The World According To Gessle (1997, EMI)
  • Roxette - Have A Nice Day (1999, EMI)
  • Roxette - Room Service (2001, EMI)
  • Roxette - The Ballad Hits (2002, EMI)
  • Roxette - The Pop Hits (2003, EMI)
  • Son Of A Plumber - Son Of A Plumber (2005, EMI)
  • Per Gessle - Party Crasher (2008, Capitol)
  • Per Gessle - Gessle Over Europe (2009, Capitol)


Link suggeriti